VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La EDS-1275 di Jimmy Page è realtà (e inarrivabile)
La EDS-1275 di Jimmy Page è realtà (e inarrivabile)
di [user #116] - pubblicato il

La doppio-manico di “Stairway to Heaven” diventa un’edizione da collezione replicata al millimetro dagli artigiani del Gibson Custom. Jimmy Page le ha suonate tutte, e il prezzo è all’altezza della leggenda.
Il primo spoiler arriva lo scorso febbraio, mentre Jimmy Page è impegnato nell’inaugurazione del Gibson Garage di Londra insieme a Tony Iommi e Brian May. Con il terzetto, sembra che Gibson abbia grandi piani in mente, e il progetto elaborato con il chitarrista dei Led Zeppelin è il primo a prendere forma.

Si tratta di una replica maniacale della sua EDS-1275 del 1969, la chitarra spedita nella storia con “Stairway to Heaven” che ora diventa un’edizione estremamente limitata con tutti i segni del tempo e le caratteristiche che l’esemplare originale ha maturato come medaglie al valore in 50 anni di musica.



Gibson produce chitarre a doppio manico dal 1958, dapprima di tipo hollow body e poi affiancate da modelli solid body a partire dal 1962.
La EDS-1275, sulle curve della SG con un manico a sei corde e uno a dodici corde, arriva nel 1963, ma a proiettarla nella storia è Jimmy Page nel 5 marzo del 1971, quando la sfoggia per la prima volta in pubblico alla Ulster Hall di Belfast. Si tratta della tappa di partenza per il tour in Irlanda e Regno Unito per la promozione del quarto album della band, ed è la prima volta che “Stairway to Heaven” viene eseguita dal vivo.

La EDS-1275 di Jimmy Page è realtà (e inarrivabile)

La doppio-manico diventa un riferimento assoluto, ripresa da alcuni dei più grandi esponenti del rock sempre con Jimmy Page stampato indelebile nella mente.
Avanti veloce al nuovo millennio, la EDS dei Led Zeppelin è nella sua custodia. Scompare dalle scene per lungo tempo ma fa poi capolino durante le celebrazioni per l’introduzione di Link Wray nella Rock And Roll Hall of Fame.
In quell’occasione, nell’autunno 2023, Jimmy ha eseguito il classico “Rumble”, impreziosito dalle dodici corde per un muro del suono armonioso, aggressivo al tempo stesso e assolutamente inconfondibile.

La chitarra è oggi un’icona, e diventa un oggetto da pura collezione grazie alla replica a cura del dipartimento Custom di Gibson, che l’ha riprodotta con tecniche di analisi forense, scannerizzata e imitata fino nei dettagli più infinitesimali.

La EDS-1275 di Jimmy Page è realtà (e inarrivabile)

Non staremo qui a elencare le caratteristiche tecniche dell’edizione limitata. È una Gibson da manuale con pezzi di prima scelta e c’è da giurarci che suonerà in modo sublime. Quello sul tavolo però non è un semplice strumenti musicale, bensì un pezzo da collezione assoluto col valore aggiunto di essere passato effettivamente tra le mani del musicista che le presta il nome e che l’ha elevata a mito.
Page spiega di aver imbracciato e provato tutte le cinquanta chitarre prodotte. Le ha suonate con cinquanta plettri che vengono anch’essi inclusi nel pacchetto insieme ai certificati di autenticità e alle custodie personalizzate.

La EDS-1275 di Jimmy Page è realtà (e inarrivabile)

Su tutte insomma c’è un po’ di mojo degli Zeppelin, e sul retro di tutte le palette è apposta - a mano - la firma di Jimmy. Al modico prezzo di 55mila euro.
chitarre elettriche eds1275 gibson jimmy page ultime dal mercato
Link utili
Jimmy Page con Brian May e Tony Iommi su Accordo
Jimmy Page si esibisce alla Rock And Roll Hall of Fame
La EDS-1275 di Jimmy Page sul sito Gibson
Nascondi commenti     27
Loggati per commentare

di fab-for [user #62742]
commento del 15/03/2024 ore 12:27:0
Ridicola.
Rispondi
di OliverJR [user #60182]
commento del 15/03/2024 ore 13:15:24
È il prezzo di non aver più niente da dire. Ormai è stato inventato tutto e per molti l'unica via è creare feticci.
La musica non importa più a nessuno...
Rispondi
di fab-for [user #62742]
commento del 15/03/2024 ore 13:16:23
Da incorniciare. Applausi!
Rispondi
di Doppio Malto [user #52847]
commento del 15/03/2024 ore 14:39:43
Bravo, concordo! Come scusante hanno il fatto che l'essere stati tra i primi a inventare la chitarra elettrica, oggi non paga più: anche l'ultimo arrivato è in grado di replicare la tua chitarra sfornando un prodotto spesso più che dignitoso... quindi puntano a fascia alta e prodotti di nicchia..
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 15/03/2024 ore 16:56:18
Ma non hanno nemmeno quella di scusante.
Mica l'hanno inventata loro, mi sembra che fu Rickembaker.
Poi Lester Polfuss si propose a Gibson, ma gli risposero che non aveva speranza... la lungimiranza...
Ci pensò poi il buon Leo a dare il via a tutto.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 15/03/2024 ore 16:47:52
Perfect shot.
Bravo!
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 16/03/2024 ore 13:28:04
Non è proprio così...conosco molti collezionisti e tutti, dico tutti suonano...è vero, c'è molto feticismo ma è anche vero che per moltissimi è un investimento...anni fa ho avuto l'opportunità di acquistare la Jimmy Page #1 Aged & Signed a poco meno di 9.000 euro...i soldi li avevo ma all'epoca mi sembrava immorale spendere quei soldi per una chitarra elettrica....l'avessi fatto al giorno d'oggi avrei quintuplicato l'investimento
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 16/03/2024 ore 22:55:55
Da quando e' diventata gratis ed un sottofondo....
Rispondi
di AlexEP [user #35862]
commento del 15/03/2024 ore 13:21:5
Potrei vendere l'appartamento
Rispondi
di BizBaz [user #48536]
commento del 15/03/2024 ore 15:08:00
Quel poveraccio, alla sua veneranda età, si sarà spezzato la schiena per suonare quei cinquanta pezzi uno per uno
Rispondi
di onlyfender [user #5881]
commento del 15/03/2024 ore 15:53:09
Sono pezzi da collezione… 50 pezzi probabilmente riescono a venderli in un paio d’ore (se non sono già tutti prenotati).
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 17/03/2024 ore 21:33:33
sono d'accordo e tra 2 anni varranno il doppio.
In questo tipo di operazioni Gibson è bravissima, sono convinto che con queste produzioni facciano un profitto decisamente più elevato in termini percentuali rispetto alla produzione della divisione USA.
Il prezzo è quello che è, d'altronde non credo abbiano pagato JPP con una stretta di mano ed una visita guidata al Custom Shop per suonare e firmare 50 chitarre
Rispondi
di giambibolla [user #5757]
commento del 15/03/2024 ore 16:07:51
a quel prezzo è quasi regalata (non sto scherzando)
Rispondi
di fab-for [user #62742]
commento del 15/03/2024 ore 16:20:16
perdonami, ma senza la firma e senza l'inutile riproduzione di graffi, botte e segni vari dell'originale, costerebbe un quinto di questa, sarebbe uno strumento GRANDIOSO ma non se lo filerebbe nessun a parte qualche chitarrista da tribute band. Come ha giustamente detto OliverJr, queste non sono chitarre, sono feticci per chi non può permetterseli e probabili buoni investimenti (se la bolla non scoppia... e le bolle prima o poi scoppiano tutte) per i pochi che se le porteranno a casa. L'unica certezza è che NESSUNO le suonerà.
Rispondi
di giambibolla [user #5757]
commento del 15/03/2024 ore 16:42:13
pienamente d'accordo, ma a questo prezzo è comunque regalata.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 17/03/2024 ore 21:39:22
"senza la firma e senza l'inutile riproduzione di graffi, botte e segni vari dell'originale"....hai detto niente!....è quello che fa il prezzo di quei 50 strumenti, mica la chitarra di per sè che comunque per selezione dei legni, costruzione e finitura è già uno strumento TOP con tutti gli altri costi del caso...o pensi che Jimmy si sia prestato gratis?
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 17/03/2024 ore 21:54:35
Quanto al fatto che nessuno le suonerà, come ho già scritto qui sotto conosco un po' di persone che si permettono pezzi del genere e sono tutte persone che suonano
Rispondi
di f.n [user #3760]
commento del 15/03/2024 ore 16:17:23
Sono pezzi da collezione, come le fa Bottega Veneta per le borse, la Ferrari per le auto, il design d'epoca per i mobili, etc. etc. Se vuoi la chitarra col plettro, la firma (e se ci metteva anche un paio di peli delle ascelle ci stava) di Page, saranno anche cazz... di chi vuole investirci 15k ! C'è un bellissimo film italiano, che si chiamo "the boys" (che non c'entra con la serie dei super eroi cattivi) che vede un mitico Giacomino (del trio) ex musicista affermato con band scoppiata negli anni '70, che è diventato notaio e che acquista memorabilia dei suoi tempi. Ecco. E' quella roba lì! Il nazionalpopolare ha un po' rotto i cojoni.
Rispondi
di rockit [user #11557]
commento del 15/03/2024 ore 16:45:28
Le fecero già nel 2007, in due edizioni limitate (250 pezzi normali, e 25 suonati e autografati). Mi ricordavo costasse 25K all'epoca, invece trovo fonti che parlano di 33.5K. Ovviamente vendute tutte senza nemmeno passare dal via.
Mi ricordo di averne vista solo una in vendita cercando in rete, e andava via a prezzi ancora più alti.
Ora, se decidono di riproporre una nuova tiratura limitata, va da sé che alzino il prezzo ulteriormente, visto che altrimenti svaluterebbero completamente la prima edizione - cosa che sarebbe estremamente poco gradita ai collezionisti che se la sono presa all'epoca, e brucerebbe l'intera credibilità sui limiti delle edizioni, che è quello che le fa vendere.
Mi paiono dinamiche notissime degli oggetti di lusso a tiratura limitata, che hanno anche poco a vedere con le chitarre nello specifico.
Rispondi
di claude77 [user #35724]
commento del 15/03/2024 ore 17:05:30
Sinceramente non ci trovo niente di sbalorditivo o assurdo.
Gibson è un un'azienda e come tale il suo obiettivo principale è massimizzare i profitti.
Probabilmente avranno valutato che l'operazione è economicamente vantaggiosa.
Che poi non abbia nulla a che fare con la musica e un altro discorso che possiamo anche affrontare.
Per quel che mi riguarda direi che loro hanno fatto la storia degli strumenti suonati e tutto il resto sono solo chiacchiere.
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 15/03/2024 ore 19:22:01
Forza gente, e' per questo che di reni ne abbiamo un paio, basta indugi
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 16/03/2024 ore 22:55:30
ב"ה
In fondo 25k USD a manico, 1k per il plettro e 4k per la custodia ci possono stare. Soprattutto per suonare al pub sotto casa o alla festa della porchetta. Scherzo, comunque Page si rivela ancora una volta un genio del marketing. Cavalcando l'onda di una band, la piu' influente, disciolta ormai piu' di 40 anni fa', riesce ad invogliare ancora gente a comprare strumenti da lui firmati o a lui ispirati. Per ricreare il rig che aveva nella (zoppicante) induzione di Link Wray si devono sborsare 55k dollari per la chitarra e non so quanti per il Sundragon.....
Qualche annetto fa' ci aveva deliziato con la Telecaster ed il Supro by Sundragon per poco meno di 4k USD.
Mi aspetto a breve qualche acustica dalla Martin..
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 17/03/2024 ore 21:50:16
Ho letto molte volte nei commenti: "operazioni che c'entrano poco con la musica"...mah, secondo me il mondo della musica è anche questo: è arte ma è anche business, è la pelle d'oca che ti si alza da 40 anni quando senti l'intro di un certo pezzo ma è anche un tube screamer dell'80 che viene venduto a 1000$ o quello di SRV a 10.000, il mercato delle riproduzioni degli strumenti dei nostri idoli è questo e sono contento che ci sia, quando eravamo ragazzotti alla scelta della prima elettrica cercavamo quella del nostro idolo, adesso che qualcuno ha via soldi per potersi togliere lo stesso sfizio in maniera più "importante" è giusto che il mercato gli offra questa possibilità visto che, per quello che ho avuto modo di appurare chi si permette questi strumenti in genere suona, magari c'è il bancario che strimpella quattro note o c'è il collezionista vero, che ha band e che magari, ogni tanto le fa prendere aria sul palco. Per me va bene così
Rispondi
di tittis [user #28285]
commento del 18/03/2024 ore 07:11:29
io ho sempre in mente la Blackie di Clapton, quella "relic" , due in Italia, una in un noto negozio in Toscana, appesa per anni a 28K...poi il negozio chiudeva ed era a 14K, poi magari chi l ha presa ( magari uno che legge qui) l ha pagata anche meno...
Rispondi
di AmF [user #59582]
commento del 19/03/2024 ore 07:40:3
A comprare è facile, è a vendere che è un po’ più complicato. Io ne sto sentendo di ogni dai miei amici del vintage. Conosco gente che ha ne poche ma altri che ne hanno tante di chitarre vintage e non mi raccontano grandi successi. Magari l persona che ha un negozio è che le ripara si…ma c’è una regola nel commercio: se uno da una inculata, per forza qualcuno la prende. Meditate gente, meditate
Rispondi
di AmF [user #59582]
commento del 19/03/2024 ore 07:37:01
Quando penso al discorso investimento, non da meno sono le auto o altre cose mi faccio domande.
Le auto vintage (quelle robe marce e puzzolenti con i materiali in plastica che emanano odore perché i polimeri si disintegrano col tempo e la pelle degrada piano piano) almeno si possono guidacchiare tra un limite e l’altro.
Le chitarre elettriche invece chi le suonerà fra cinquant’anni? Chiedo perché per la nostra generazione la chitarra era una grossa parte della musica che andava di moda, oggi non è più così.
Rispondi
di felix9 [user #33282]
commento del 22/03/2024 ore 19:43:56
Un chitarrista artisticamente morto dopo la fine dei Led Zeppelin, la replica di una chitarra realizzata solo per speculare su ricchi nostalgici, il marchio Gibson che continua in un loop infinito a contorcersi su se stesso. Per me a questo punto è meglio che Gibson fallisca e rimanga solo l'immagine del suo glorioso passato.
Rispondi
Altro da leggere
1073SPX-D: il rack Neve diventa una scheda audio
PRS mostra in video le S2 del 2024 con pickup Core americani
Il Wannabee reinventa Klon e Bluesbreaker in salsa Beetronics
Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente
"La gente non capisce che le Strat fino al 1975 sono ottime": Malmsteen si schiera con CBS
La Gretsch Jim Dandy triplica e si amplifica
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964