CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
I musicisti immodesti e permalosi restano a casa
I musicisti immodesti e permalosi restano a casa
di [user #116] - pubblicato il

Esiste una sorta di lista nera tra direttori musicali e persone del music business addette a coinvolgere professionisti e session man nei più svariati lavori (tour, sessioni in studio, show televisivi…). Questa lista nera è popolata da quei musicisti con i quali non è piacevole o facile lavorare e che quindi, non si è contenti di coinvolgere. Ne parliamo con Gianluca Palmieri.
In cima alla lista nera di artisti, agenti e direttori musicali, il più delle volte, spopolano i musicisti immodesti. Questa antipatia nei confronti di chi è immodesto rivela un aspetto importante nel lavorare nella musica: per quanto tutti siano felici di collaborare con musicisti preparati e capaci, spesso l’aspetto caratteriale di un musicista, la qualità del tempo passato assieme, rivestono un ruolo altrettanto importante. Del resto, quando si è in tour si passano intere giornate assieme; e delle 24 ore che compongono una giornata, due sono spese sul palco ma le altre 22 si consumano tra chiacchiere, viaggi, condivisioni di spazi ed esperienze.
Facile allora capire quanto, nonostante il valore musicale di una persona coinvolta in un lavoro sia imprescindibile, l’aspetto caratteriale giochi un ruolo decisivo.
Il musicista che pecca di immodestia poi, suo malgrado, si pone in una condizione che ne mina le possibilità di crescita artistica e professionale. Chi è immodesto si sente arrivato, atteggiamento che non sprona allo studio, alla pratica, alla ricerca e sperimentazione: letteralmente la morte della musica.



Ma un altro aspetto caratteriale può contribuire a spedire un musicista nella lista nera di artisti, agenti, produttori e direttori musicali: l’essere permalosi.
È assolutamente normale che quando si inizia un nuovo lavoro, una nuova collaborazione, band o produzione, a un musicista vengano fatte delle critiche costruttive; suggerimenti, consigli su come l’artista, il direttore musicale o produttore si aspettano venga svolto il lavoro. Spunti che magari possono far sì che al musicista venga chiesto di suonare qualcosa di diverso rispetto a quello che sta proponendo per suono, intenzione, scelte delle note e delle parti. Questo non significa che al musicista sia rimproverato e contestato il suo modo di suonare; sono semplicemente le richieste per uno sforzo ad allinearsi alle esigenze e alla visione d’insieme del progetto in cui si è calati. Eppure, molti musicisti si rivelano molto sensibili, suscettibili a queste richieste: le vivono come mere critiche, se la prendono e rispondono male. Questo è un errore gravissimo che palesa un altro grande limite, quello di non sapersi mettere, come professionisti, al servizio della situazione o dell’artista da cui si è ingaggiati.
Non solo, questo attegiamento può rivelare persino insicurezza. Se un musicista se la prende, non è reattivo e propositivo nel suonare qualcosa in maniera differente da come sta facendo, può persino sembrare che questo succeda perché non è in grado di farlo; può sembrare che non abbia i mezzi per andare nella direzione artistica e musicale richiesta.
Chiunque, in qualunque contesto, spera di lavorare in maniera serena, tranquilla, con facilità. E un musicista immodesto e permaloso compromette da subito questo clima. E allora, anche se bravo, rischia di restare a casa.



Gianluca Palmieri è un giovane e brillante batterista italiano che sì è ritagliato un posto al sole nella scena batteristica internazionale. Dal 2013 è docente di batteria al prestigioso Musician Institute di Los Angeles e collabora in pianta stabile con il chitarrista Greg Howe che accompagna live e nell'attività discografica. Da qualche mese su Accordo dispensa dritte, spunti e consigli su come gestire al meglio la propria vita e attività di batteristi professionisti.

LETTURA & VERSATILITA'  (Clicca per leggere)
Tra i temi che interessano maggiormente i nostri lettori c'è sempre quello legato a quali siano gli aspetti più importanti da curare nello studio e nella formazione di chi vuole diventare un musicista professionista. Lo abbiamo chiesto a Gianluca Palmieri, giovane e brillante batterista italiano che sì è ritagliato un posto al sole nella scena batteristica internazionale.

TRE COSE INDISPENSABILI PER SUONARE LA BATTERIA  (Clicca per leggere)
re dritte per partire con il piede giusto nello studio delle batteria. Utili anche per chi suona già  da tanto ma ha bisogno di uno stimolo per tenere accesa la passione. A suggerircele Gianluca Palmieri, docente di batteria in una delle scuole più prestigiose al mondo, il Musician Institute di Los Angeles e strumentista di spicco nella scena jazz rock e fusion internazionale.
batteristi gianluca palmieri lezioni lezioni di batteria
Link utili
Il sito di Gianluca Palmieri
Il sito del Musician Institute
Mostra commenti     15
Altro da leggere
Quel batterista metal che ha studiato jazz e ascolta Sting
Linear Fill: il metodo di batteria
Addio a Pat Torpey: innovazione, leggerezza e intelligenza
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Adam Deitch. Suonare la batteria Dubstep: influenze
Quando il batterista è diventato protagonista
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista
Lettura & versatilità
Paiste Pstx: splash, hats e crash. Attacco e decadimento a razzo
Tre cose indispensabili per suonare la batteria.
Andare a tempo: predisposizione o formazione?
Virgil Donati: come nasce una canzone
Roland tm 6 Pro: un booster di creatività
Kenny Aronoff: qual è il segreto di un batterista di successo
Trovare una strada per l'originalità
Seguici anche su:
News
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)
L'invenzione del talkbox: la storia del pupazzo Stringy




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964