DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione
Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione
di [user #42888] - pubblicato il

Un nostro lettore prova a mettere ordine nella selva di repliche giapponesi d'annata dalle quotazioni più disparate, ma con caratteristiche ben precise.
Che fine hanno fatto le convenienti Stratocaster made in Japan prodotte da Tokai che fino a una decina di anni fa si trovavano alla metà del prezzo di una Fender usata?
Sono sempre stato un grande estimatore di questo produttore giapponese. Credo che negli anni abbia sfornato un numero impressionante di modelli Stratocaster paragonabili e spesso migliori delle originali.
Tuttavia oggi, guardando sui vari siti di compravendita, si trova una situazione paradossale che rasenta l’assurdo dove il marchio oscura ogni principio di dubbio critico o ragionevolezza.

I prezzi raggiunti da questi strumenti vintage hanno ben poco a che vedere con la reale qualità e trascendono i parametri oggettivi che ogni modello porta all’interno della sua carta di identità, tendendo a unificare il tutto sotto la presunta superiorità data dal solo marchio. In parole povere è come se si andasse in un concessionario ad acquistare un’automobile e la differenza di prezzo tra la serie più economica e la super lusso dello stesso marchio fosse di poche centinaia di euro.
Vorrei provare a fare un po’ di chiarezza in questo marasma.

Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione

Partiamo dal fatto che la classificazione dei numeri di serie Tokai è abbastanza confusa. A oggi sono decodificate con precisione solo alcune epoche storiche, mentre altre sono piene di numerazioni senza apparente logica. Basti pensare che alcune chitarre prodotte in Giappone intorno ai primi anni 2000 per il mercato britannico riportano solo la scritta Made in Japan senza seriale o viceversa, mentre alcune non hanno né il seriale né la scritta Made in Japan.
I modelli principali delle copie Stratocaster prodotte da Tokai sono le Silver Star (SS), le Springy Sound (ST) e le Goldstar (AST-TST). Le prime rappresentano copie Fender CBS con palettone anni '70 truss rod a pallottola in testa neckplate a tre viti e micro tilt. Le Springy Sound sono copie pre-CBS metre le Goldstar, le quali sono più recenti e moderne, sono repliche delle Fender Stratocaster fatte tra il 1958 e il 1964.

Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione

Le Springy Sound sono le prime che compaiono sui cataloghi del 1978 e hanno una numerazione progressiva che rappresenta il livello del modello, il quale è corrispondente al costo: Tokay ST 42, ST 45, ST 50, ST 55N, ST 60, ST 65N, ST 80, ST 85N, ST 100.
Il numero dopo la sigla rappresenta il prezzo di vendita dello strumento, ovvero ST42 corrisponde a 42.000 Yen mentre ST 100 Corrisponde a 100000 Yen.

Le differenze sono diverse, ma vediamo di analizzare le più importanti.
Scelta del legno: la qualità è esponenziale, più si sale di modello più è accurata la selezione.
Hardware: fino alla ST 55 ponte e meccaniche sono di minor qualità. Dalla ST 60 alla ST 100 utilizzano hardware nettamente migliore.
Pickup: fino alla ST 65 utilizzano i pickup denominati “U” mentre, dall’80 alla 100 i “V” Pick up.
Vernice: poliuretanica sicuramente fino alla ST 65, dovrebbe essere alla nitro per la ST 80 e la ST 100 ma sulla prima ho visto pareri contrastanti e, non avendone mai posseduta una, non ho certezze.
Tra il modello ST 80 e ST 100 dovrebbe cambiare solo l’hardware: la ST 100 monta quello dorato.
I modelli ST 55N, ST 65N e ST 85N sono uguali alle rispettive ST 50, ST 60 e 80 ma hanno colorazione Natural e quindi legni con qualità estetiche maggiormente selezionati.

Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione

Il concetto è analogo per le Silver Star: Tokai SS 36, SS 40, SS 48, SS 60, SS 85.
Discorso simile per le differenze tra le varie versioni. I pickup sono diversi per il solo modello 85. L’hardware cambia dal modello 60 e la vernice è tutta poliuretanica.

Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione

Tra il 1983 e il 1984 nasce la Serie Goldstar. Questo è un cambiamento epocale in quanto, a causa dei problemi legali con Fender, nel mercato statunitense e quello europeo viene modificata la forma della paletta dando origine ai modelli con suffisso AST, mentre per il mercato nipponico, australiano e britannico i modelli hanno mantenuto la classica paletta e hanno preso il nome di TST (classic series).
Nascono quindi la TST/AST 40, 50, 60, 80. La differenza sostanziale è inerente ai pickup utilizzati, in quanto la AST 80 monta DiMarzio VS1, la AST 60 dei Tokai Vintage pickup, la AST 50 Vintage MKII Pickup e la AST 40 Vintage MKIII PIckup e hardware più scadente. Queste chitarre sono riproduzioni delle Fender Stratocaster che vanno dal 1954 al 1964.
La Goldstar è prodotta ancora oggi, sia in una versione economica made in China sia in una versione made in Japan di fattura ottima.

Stratocaster Tokai made in Japan: che gran confusione

In mezzo a tutte questi modelli sono poi uscite delle super-Strat di tutto rispetto, come le serie Limited Edition, Custom Edition, Super Edition e Super Distortion.
Intorno al 2000 si incontra il più totale disastro con i seriali. Come già anticipato, alcune Goldstar importate nel Regno Unito (in Italia credo non venissero nemmeno importate) uscivano senza la scritta Made in Japan, senza il seriale, oppure senza entrambi. Per vederne l’originalità è necessario smontarle, controllare l’elettronica e i marcatori sul body e sul tacco del manico.

Nonostante tutto anche le Goldstar senza seriale sono facilmente distinguibili dalle produzioni made in China per alcune differenze immediate quali truss rod al tacco del manico, inserto di legno scuro lungo tutto il retro del manico dove è stata inserita la barra e chiusura del truss presente in testa del manico con legno più scuro a forma di goccia.
Come si può facilmente comprendere la differenza tra le varie versoni dei tre diversi modelli non è cosa da poco e influenza notevolmente anche il valore oggettivo dello strumento.
Oggi in italia si trovano delle Silver Star SS36 in vendita a cifre che arrivano a 600 o 700 Euro. Per una Springy Sound ST 50 si arriva addirittura a chiedere 1000 - 1200 euro. La cosa da considerare è che, sebbene si tratti di ottime chitarre a livello liuteristico, sono comunque serie economiche realizzate con componenti accessibili alla pari di tantissime altre produzioni made in Japan di quegli anni che oggi non sono così in auge come le Tokai e si possono acquistare a prezzi nettamente più abbordabili.

Mi sono imbattuto in una Springy Sound ST 100 in vendita a 2400 Euro. Leggermente meno quotata (a mio personale parere in modo assolutamente immotivato) la serie Goldstar.
Se si prova a seguire qualche sito di vendita giapponese, si noterà immediatamente che il prezzo medio di una SS36 si aggira intorno ai 200 - 250 Euro. Per una ST 50 non si superano i 400 euro. I prezzi salgono notevolmente per i modelli con numerazione più alta.
Sono consapevole che il prezzo degli strumenti è fatto dal mercato, tuttavia credo che una conoscenza delle principali caratteristiche possa aiutare nel fare scelte più ponderate negli acquisti.
chitarre elettriche gli articoli dei lettori goldstar silver star springy sound tokai
Nascondi commenti     10
Loggati per commentare

di Guitarzero Blog [user #49234]
commento del 12/12/2019 ore 11:25:23
Ciao, ottimo articolo, dettagliato e preciso. Grazie!
Rispondi
di AndreaV [user #50747]
commento del 12/12/2019 ore 16:49:52
Con tutto il rispetto, chi ha scritto questo 'articolo' quante Tokai vintage e moderne ha avuto in mano? Troppe imprecisioni su specifiche, quotazioni, conclusioni...
Riprendendo il titolo: son proprio articoli del genere che contribuiscono a quella 'confusione' che denunciano.

Andrea MijHeaven Vitali
Rispondi
di Puma1976 [user #42888]
commento del 12/12/2019 ore 17:12:38
Con tutto il rispetto, da molti anni mi occupo degli strumenti Made in Japan, ne ho avuti moltissimi tra le mani. Le informazioni quali imprecisioni riportano?
Rispondi
di alberto biraghi [user #3]
commento del 13/12/2019 ore 00:03:01
Andrea, visto che mi pare tu abbia una conoscenza non comune dell'argomento, potresti spiegare a chi come me ne sa poco dove sta il problema? Se davvero ci sono delle imprecisioni non sarebbe meglio indicarle, in uno spirito costruttivo di condivisione della conoscenza? Altrimenti resta critica immotivata e fine a se stessa. Accordo è nato 27 anni fa proprio con l'obiettivo di condividere le informazioni. No?
Rispondi
di FBASS [user #22255]
commento del 13/12/2019 ore 07:36:21
Delle mie 4 Stratocaster marcate Fender, oltre alla Strat color fuxia del 1991, la mia preferita è una Made in Korea prodotta Samick nel 1989, unico anno in cui fu prodotta da quella casa ed ha cui volevo cambiare solo le meccaniche ma poi ho desistito, color Daphanae Blue; le altre due son Made in USA, una è una American Standard del 1989 e l'altra è una Lone Star del 1992 a cuiho sostituito il tremolo a due perni con un Wilkinson Gold a 6 viti ed il pickup al ponte con un Di Marzio PAF.
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 14/12/2019 ore 09:34:16
Ma cosa c'entra??? :-) :-)
Rispondi
di 05756640 [user #49727]
commento del 15/12/2019 ore 09:41:23
Ma cosa centra....
Rispondi
di 05756640 [user #49727]
commento del 13/12/2019 ore 18:58:2
Bell'articolo, sinceramente non ne ho mai provato una, ma il made in Japan è una garanzia di qualità, recentemente ho acquistato una Fender Heartfield rr59 made in Japan nuova ancora imballata del 1991,fatta molto bene e suona benissimo, qualcuno potrebbe fare un un'articolo su questo marchio, ciao
Rispondi
di Spotty [user #29357]
commento del 16/12/2019 ore 10:23:42
Beh mi pare che nell'articolo, interessante, non vada cercata la ricerca filologica dei modelli, ma il fatto che forse fra diverse stratiformi si faccia confusione sul mercato fra entry level e modelli più blasonati. In pratica, se si dice Tokay è una marca che non ha niente da invidiare alle Fender che copia (ma anche alle Gibson), non vuol dire però che tutti i modelli abbiano lo stesso livello. Secondo me chiarirlo con esempi, al di là dell'esattezza millimetrica degli stessi, si fa un opera importante di chiarezza. Anche perché così persone inesperte non vengano turlupinate.
Rispondi
di porromeo [user #39861]
commento del 01/06/2020 ore 06:04:58
Ottimo articolo per me provvidenziale, in quanto ho da poco preso un Ast95 . Sembra essere veramente molto bella. Potresti darmi notizia sui Pickup ? Saluti
Rispondi
Altro da leggere
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Il punch degli AC/DC in un pedale
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
FluxElectrick: envelope e ring in salsa australiana
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964